Consigli per la pulizia

Consigli per la pulizia dell’acciaio INOX

  • Spruzzi di malta e tracce di cemento possono essere trattati con una soluzione contenente una piccola quantità di acido fosforico. Risciacquare con acqua deionizzata ed asciugare.
    La polvere di ferro, che si potrebbe depositare nelle tubazioni e fuoriuscire dai rubinetti, una volta a contatto con l’acciaio inossidabile potrebbe arrugginire velocemente. Rimuovere immediatamente utilizzando acqua e un detersivo liquido neutro (senza acidi corrosivi) per piatti, o un sapone per la pulizia quotidiana.
  • Qualora sulla superficie fossero presenti macchie più ostinate, consigliamo di utilizzare una miscela di acqua calda e aceto (10%). Risciacquare sempre la superficie con abbondante acqua e asciugare bene con un panno pulito e morbido. Questa procedura permette di evitare l’accumularsi sulla superficie di depositi di calcare.
  • Eventuali depositi di calcare possono essere rimossi con prodotti non aggressivi in crema (comunemente reperibili in commercio) oppure con il nostro kit specifico per la pulizia (cod. art.: SS01750-1)
  • Tutti gli acciai inox possono essere graffiati. Fare attenzione ad appoggiare sulla superficie materiali spigolosi, pentole con fondo ruvido o posaterie affilate.
    La superficie della vasca non deve essere pulita con polveri abrasive, spugnette abrasive e pagliette d’acciaio.
  • Prodotti metallici diversi dall’acciaio inox, lasciati sulla superficie della vasca, potrebbero innescare nel tempo un processo elettrochimico, intaccandone la superficie. Anche il contatto prolungato con prodotti alimentari come aceto, caffè, vino rosso, latte, etc. possono danneggiare la superficie.

Caratteristiche e manutenzione del PVD

  • La tecnologia PVD, utilizzata nelle vasche della serie Titanium, consta di riporti superficiali di composti ceramici. I riporti vengono effettuati con un processo di evaporazione ad arco.
    Come tutti gli acciai inox, anche gli acciai inox trattati con la speciale finitura PVD, possono essere graffiati. Fare attenzione nell’appoggiare materiali spigolosi, pentole con fondo ruvido o posaterie affilate.
  • La superficie del lavello non deve essere pulita con polveri abrasive, spugnette abrasive e pagliette d’acciaio.
    Prodotti metallici, diversi dall’acciaio inox, lasciati sulla superficie del lavandino, potrebbero innescare nel tempo un attacco elettro-chimico e quindi intaccarne la superficie. Anche il contatto prolungato con prodotti alimentari come Aceto, caffè, vino rosso, latte, etc. può danneggiare la superficie.
  • La superficie trattata con finiture PVD non deve entrare a contatto con i seguenti prodotti chimici: Acido Muriatico, Varecchina, ammoniaca, detersivi per argenterie e rame, acido cloridrico, acido fluoridrico e in generale detersivi abrasivi.
  • Per la pulizia quotidiana si consiglia di usare acqua e un detersivo liquido neutro per piatti o sapone. Qualora sulla superficie fossero presenti macchie più ostinate consigliamo di utilizzare una miscela di acqua calda e aceto (10%). Risciacquare sempre la superficie con abbondante acqua e asciugare bene con un panno morbido e pulito. Questo procedimento permette di evitare l’accumularsi sul lavello di depositi di calcare. Eventuali depositi di calcare, possono essere rimossi con uno specifico prodotto anticalcare diluito con acqua.